100 KM CON PAPA GIOVANNI

March 21, 2013 in IO C'ERO, NEWS

È il quinto anno che dedico la 100 ad un santo. Quest’anno anno voglio ricordare il beato Giovanni XXIII° a 50 anni dalla morte, avvenuta a Roma il 3 giugno 1963.

Angelo Giuseppe Roncalli era nato il 25 novembre 1881 a Sotto il Monte – vicino a Bergamo – da una famiglia contadina. Non aveva certo un fisico da atleta e non credo fosse un gran fondista. Ma è uno che ha “camminato” tanto e ha fatto “camminare” anche altri.

Ha preso sul serio il suo personale cammino di fede, lavorando sul suo carattere, dandosi una regola di vita, allenandosi con gli esercizi spirituali, e scrivendo il suo percorso in un diario, il “Giornale dell’anima”.

Ha compiuto un lungo cammino di servizio alla Chiesa che lo ha portato in Bulgaria, in Turchia, in Francia, poi a Venezia e a Roma, ad incontrare mondi diversi, a tessere ponti di dialogo con le altre confessioni cristiane e con tutti, ad affrontare i gravi problemi del suo tempo. è stato anche il primo papa moderno ad uscire dal Vaticano con un viaggio ad Assisi e Loreto e con altre uscite brevi ma significative come la visita al carcere di Regina Coeli.

Ha fatto passi importantissimi che hanno fatto camminare la Chiesa e l’hanno avvicinata all’umanità, alle speranze e alle lacrime di tanta gente: pensiamo alla celebre carezza da portare a casa ai bambini nel “discorso alla luna” della sera dell’11 ottobre ’62, all’interessamento per la risoluzione della crisi di Cuba che poteva innescare un conflitto nucleare mondiale, all’enciclica Pacem in terris e soprattutto alla convocazione del Concilio Vaticano II.

Lungo il percorso della 100 non credo ci siano chiese o immagini di papa Giovanni. Ci sono però tanti luoghi che possono ricordare questo mite e coraggioso profeta di speranza. Vicino a questi luoghi mi fermerò a pregare e a meditare su quello che lui ha detto e fatto, accompagnato come sempre da un libretto che sarà a disposizione di quanti lo desiderano.

(file PDF 2 M) – libretto con itinerario

Don Luca Ravaglia