LA MIA AMICA BIONICA

August 6, 2011 in IO C'ERO

Dedicato a …..la mia amica bionica

La mia amica “bionica” si chiama Enrica Oss Emer, volto noto nel panorama dei runners perginesi. Bionica è bionica sul serio, nel senso che lei corre da due anni con una piccola protesi all’anca. Questo fatto non le ha certamente impedito di continuare a correre, di allenarsi e di cimentarsi in prove estreme. Ha sopportato dolore e fatica, sempre con l’entusiasmo e la volontà ferrea che la contraddistinguono. Io la conosco bene, è una insegnante formidabile, sempre impegnata e all’avanguardia, capace di stabilire coi bambini rapporti profondi e costruttivi (n.d.r:grazie per gli elogi esagerati). Sa essere caparbia e a volte “sfrontata” quando difende le idee e le cose in cui crede.
Come nel Passatore, gara di 100 km, gara splendida, ma impegnativa. Lei ci ha creduto, si è allenata con costanza e determinazione, su e giù per le montagne, dentro per le nostre valli, macinando chilometri su chilometri. Questa è la passione vera di chi, attraverso i propri limiti, riesce a fare suo un sogno: arrivare al traguardo.
Brava Enrica sei stata eccezionale, per questo ho voluto riproporre qui di seguito quei pochi versi che ti avevamo dedicato, noi amici, qualche mese fa, in occasione del tuo compleanno.

Siam qui riuniti per festeggiare
una tipa davvero esemplare.
Enrica Oss Emer è l’atleta in questione,
donna di tempra e di grande passione.
Correre sempre, ovunque e comunque,
non è di certo da donna qualunque.
Nemmeno l’anca, che le fu operata,
l’ha di certo giammai fermata!
E proprio per questo suo carattere forte
correrà imperitura sino alla morte.
100 chilometri, sfida ardita,
sarà vittoria garantita!!
Il Passatore ti attende sornione,
ma lo vincerai con la tua grande passione.
E se per caso ti dovessi fermare,
non te ne devi addolorare.
Il sudore, il dolore e un pizzico di follia,
che in questi mesi ti hanno fatto compagnia,
ti renderanno un’atleta migliore,
e una persona con un grande cuore!!!

Alla fine ce l’hai fatta, sei arrivata al traguardo. Brava Enrica!!!!

Michela Grisenti