Andrea Zambelli vince la prestigiosa 100km del Passatore da Firenze a Faenza di Matteo Simone

Andrea Zambelli vince la prestigiosa 100km del Passatore da Firenze a Faenza di Matteo Simone

Andrea Zambelli vince la prestigiosa 100km del Passatore da Firenze a Faenza

Ho portato a casa la convinzione che volere è potere…oltre al cappello del Passatore!

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net/

 

Si è svolta con partenza da Firenze il 26 maggio 2018 la 46^ edizione della 100 km del Passatore che ha visto arrivare come primo uomo a Faenza Andrea Zambelli in 6h54’34” precedendo il tedesco Benedikt Hoffmann, in terza posizione si classifica Giorgio Calcaterra e quarto Silvano Beatrici.

Giorgio Calcaterra l’ha vinta per 12 volte consecutive e l’anno scorso ha preceduto lo stesso Andrea Zambelli. Tra le donne vince la croata Nikolina Sustic che si classifica 5^ assoluta 7h53’55 precedendo Marija Vraijic ed Elisa Zannoni.

Approfondiamo la conoscenza del vincitore attraverso risposte ad alcune mie domande.

Nella mente dell’ultramaratoneta c’è un mondo di pensieri, sensazioni, emozioni, dubbi, certezze, programmi, obiettivi, mete, speranze. Importante è la passione, l’avere chiaro una meta e un aobiettivo, pianificare e organizzare la riuscita di una gara impegnandosi con costanza e determinazione. Sembra che Andrea abbia coltivato questa passoine per la corsa e successivamente per l’ultramaratoneta avendo chiaro che la gara della sua vita doveva essere il Passatore, e così giorno dopo giorno, si allena, gara dopo gara acquisice sempre più esperienze e convinzione di poter riuscire nella sua impresa ambiziosa, e cos’ nel 2017 sfiora il podio arrivando 2° dietro il RE Giorigo Calcaterra che la vince per 12 volte consecutive. Ma Ancrea sembra essere uno che non molla, uno che apprende dall’espereinzea e così quest’anno si presenta alla partenza con le idee chiare pronto e preparato per la gara importante. Parte sereno, così sembra, senza occuparsi degli altri atleti che scalpitano e corrono forse troppo velocemente nella parte iniziale, cos’ Andrea imposta il suo ritmo e passo dopo passo, metro dopo metro, chilometro dopo chilometro, curca dopo curva si presenta primo sulla linea del traguardo.

Che sapore ti ha lasciato questa gara?Gioia, orgoglio, soddisfazione.”

 

Era chiaro già l’anno scorso che ci teneva a questa gara e comunque ha la consapevolezza che la 100km è una gara che fa per lui, infatti ha rappresentato l’Italia ini eventi internazionali con ottimi risultati continuando a far bene e a sperimentare passione ed entusiasmo, sempre resiliente.

Che significato ha per te questa gara?Per me il Passatore è la gara più importante.”

 

Se hai le idee chiare, se sei consapevole delle proprie capacità, possibilità e limiti non può che andare bene, serve solo un po’ di fiducia in te stesso e focalizzarti per il momento della gara che in questo caso dura circa 7 ore, se hai fatto i compiti a casa se c’è passione e talento non si può che sperimentare il cosiddetto flow dove tutto fila liscio e arrivi all’arrivo sereno e soddisfatto.

Avuto problemi, criticità?No, è andato tutto bene e non ho avuto nessune tipo di problema.”

 

E’ importante prima volerla una cosa, poi immaginare di riuscire ad arrivarci e poi impegnarsi, un lavoro di consapevolezza che ti porta dove vuoi seguendo la direzione più opportuna.

Cosa lasci e cosa porti a casa? “Ho portato a casa la convinzione che volere è potere…oltre al cappello del Passatore!”

 

Importante diventa un lavoro di osservazione si a interna delle proprie sensazioni e del proprio stato d’animo e sia esterno di osservazione di altri concorrenti e del contesto in cui si gareggia. Le parole di Andrea denotano una persona resiliente che si focalizza sul positivo e non sul negativo, infatti parla di un tedesco che lo accompagnava e non di un concorrente che lo ha ostacolato, una corsa insieme con la condivisione della fatica, ognuno fa prima di tutto gara siu di se e poi anche sull’altro senza aggressività e senza stress in modo da non consumare energie necessarie che servono per il lavoro muscolare.

Hai conosciuto altri atleti?I migliori atleti li conoscevo già, di nuovo solo il tedesco che mi ha accompagnato per 82km.”

 

E’ importante focalizzarsi il momento presente ed essere presenti a se stessi e poi agli altri. Ora è il momento presente che permette di capire cosa provi, cosa senti, come stai, dal momento presente parte tutto, ma c’è un momento dove bisogna essere attivati, bisogna mettersi in azione, bisogna faticare e c’è un momento dove bisogna recuperare, godere, riposare, organizzarsi per nuove direzioni.

Quali sono ora tue mete, direzioni, obiettivi?Ora mi godo il successo, poi vedremo.”

 

Non si inventa niente, è importante sperimentarsi in allenamento e in altre gare per arrivare pronti e collaudati alle gare importanti, si apprende sempre dall’esperienza.

C’è un alimento particolare che hai assunto in gara?I miei soliti alimenti durante la gara sono barrette, gel e banane.”

 

La vita è ciclica, non si può essere sempre in attivazione o sempre in riposo, non si può essere sempre allegri o sempre tristi, importante la ciclicità dopo tanta fatica, va bene recuperare energie e sviluppare autoprotezione e coccole riprendendo qualcosa che avevamo lasciato in sospeso considerando anche che la vita è fatta di sfere individuali, lavorative e famigliari.

Come ti prendi cura di te ora dopo questa gara di corsa?Tanto riposo.”

 

Ringrazio Andrea per aver risposto ad alcune mie domande che ci permettono di approfondire il mondo del bizzarro, coraggioso, straordinario mondo degli ultramaratoneti.

Cosa hai raccontato a casa, al lavoro, agli amici dopo la gara di corsa?Non ho avuto bisogno di raccontare nulla, sapevano già tutto in diretta.”

 

Ringrazio il celebre e noto fotografo marchigiano Sandro Marconi “Scrotofoto”.

Interviste di atleti mi hanno permesso di scrivere i libri

Ultramaratoneti e gare estreme

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida

https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

 

Matteo SIMONE

380-4337230 – 21163@tiscali.it

Psicologo, Psicoterapeuta

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Condividi questo post