La 25a di Giustino

La 25a di Giustino

 

GiustinoSabato 28 e domenica 29 maggio si è corsa la 44a edizione del Passatore, una delle corse più folli alla quale abbia partecipato: 100km da correre partendo da via dei Calzaiuoli a Firenze, fino a piazza del Popolo a Faenza passando per Fiesole, Borgo San Lorenzo, Marradi, Brisighella…..
Quest’anno per la Podistica Misericordia Aglianese, è stata un’edizione del Passatore veramente speciale, perché uno dei nostri soci più anziani, Rodolfo Bonacchi detto “Giustino”, ha corso la sua 25a volta e noi, i suoi amici e compagni di km, abbiamo deciso di iscriverci in massa ed accompagnarlo in questa impresa. Grazie a Rodolfo ci siamo ritrovati ad essere la quinta società per numero di partecipanti, il che è già un risultato importante per una piccola squadra come la nostra ma, cosa assai più importante, abbiamo dimostrato di essere un gruppo unito come pochi.
La corsa è stata dura, come già gli anziani avevano pronosticato a noi matricole, specialmente nella prima parte sotto il sole e l’afa di Firenze fino a Fiesole, e poi nel tratto finale, quando nelle prime luci del mattino si vedeva in lontananza Faenza che però non arrivava mai. Indimenticabile il passaggio al traguardo della Colla di Casaglia a 913m di quota, passaggio avvenuto a notte già inoltrata, quando i primi top-runners erano ormai arrivati a Faenza, mentre noi cercavamo di tenere unito il nostro gruppo che si era in parte disperso nel buio. Magnifica la discesa della Colla, nel buio pesto tra le gole della montagna, con la strada rischiarata solo dalle luci dei corridori e dalle rare macchine al seguito.
Non ha importanza il tempo che abbiamo impiegato, si è corso aspettandoci l’un l’altro, aiutando chi era in difficoltà e richiamando chi mordeva il freno per volare da solo, sostenuti da un nutrito gruppo di assistenti venuti a seguirci in macchina, con l’unico obiettivo di arrivare a Faenza tutti insieme dietro al nostro Rodolfo: obiettivo centrato.

Per molti di noi è stata la prima volta in una gara così lunga, forse per alcuni sarà anche l’ultima, ma certamente resterà nel cuore di tutti noi per sempre.

Romeo Cappellini

Condividi questo post