LE ULTIME RACCOMANDAZIONI PRIMA DELLA GARA

maggio 24, 2017 in CHI COME QUANDO E PERCHE'

Cari amici eccoci giunti nel rush finale, ormai solo tre giorni ci dividono dalla nostra gara tanto attesa, permettetemi di fare, non solo a voi, ma anche a me stesso, le ultime banalissime raccomandazioni. Leggi il resto di questa voce →

LA NOTTE DELLA VIGILIA

maggio 8, 2017 in CHI COME QUANDO E PERCHE'

Ci siamo, le brandine già pronte per quella notte lunghissima che è quella della vigilia, la notte “prima” di un’evento atteso e immaginato per un’anno intero. Leggi il resto di questa voce →

CHI, COME, QUANDO E PERCHE’ 4/5/2017

maggio 4, 2017 in CHI COME QUANDO E PERCHE'

Oggi vi propongo questo racconto che scrissi nel 2011 all’indomani del mio 25° arrivo a Faenza, con la speranza che il prossimo 28 Maggio possa tornare a casa con sotto braccio il piatto dei 30 Leggi il resto di questa voce →

CHI, COME, QUANDO E PERCHE’ 28/4/2017

aprile 28, 2017 in CHI COME QUANDO E PERCHE'

 

 

 

Meno di un mese, poi tutte quelle “emozioni” sopite esploderanno. Leggi il resto di questa voce →

DUE CHIACCHERE COL MITO GIORGIO CALCATERRA E DI COME E’ NATA LA MIA STORIA “D’AMORE” COL PASSATORE.

aprile 24, 2017 in CHI COME QUANDO E PERCHE'

 


Finalmente oggi ho incontrato il “mito” l’unico capace di vincere per 11 volte la 100 km del Passatore “RE GIORGIO CALCATERRA”, era con altri due grandi atleti e accompagnati dall’onnipresente Tatiana Khitrova (l’anima della 100 km) erano di ricognizione sul percorso della Firenze Faenza, mentre stavano girando un filmato per illustrare (per i pochi, che non la conoscano) le parti salienti di questo unico e stupendo tracciato, il tutto andrà in onda prossimamente su Top Runner TV http://www.toprunnerstv.com/ e sarà postato anche su http://www.100kmdelpassatore.it e probabilmente anche su questa pagina. Ero seduto al bar dell’orologio di Borgo san Lorenzo (dove abito) eccoli spuntare da quella stradina del centro storico della mia cittadina, via Mazzini, ma per ogni borghigiano è “Malacoda” … E’ qui dove è iniziato per me questo rapporto “d’amore” con questa gara, è proprio qui che 44 anni fa nel 1973 ero seduto, allora si chiamava Bar Sport, incredulo, io ragazzo diciasettenne, a veder passare questi “matti” che si sarebbero arrampicati su per la Colla per giungere a Faenza con un “viaggio di 100 chilometri, qualcosa che aveva dell’incredibile e che mi ha rapito il cuore da allora, non a caso, già due anni dopo, nel 1975, anch’io sarei stato alla partenza del mio primo Passatore, ma di questo ne parleremo prossimamente. 
Tornando ad oggi penso che tutti voi conosciate benissimo la carriera di questo grande e unico atleta che è Giorgio Calcaterra, tre volte campione del mondo della distanza 100 km, nel 2008, 2011, 2012, ha nel su palmares un’infinità di maratone e nel 2000 oltre a stabilire il suo personale sulla distanza (2:13:15), stabilisce Record Mondiale di Maratone corse in un anno sotto le 2:20:00 (ben 16), ricevendo per questo un prestigioso riconoscimento dalla rivista specializzata americana Runner’s World. 
Nel 2006 si presenta la prima volta alla 100 km del Passatore e la vince subito, da allora saranno 11 vittorie consecutive, nel 2011 stabilisce il record della gara in 6h,25m,47s e non è ancora finita, visto che sarà ai nastri di partenza anche in questo 2017.
Non mi sento di aggiungere altro questi sono numeri da gigante, qualunque altro commento sarebbe superfluo e inopportuno.

Claudio Guidotti

“NON C’ERANO BRIGANTI ALLA MARCIA DEL PASSATORE”

aprile 18, 2017 in CHI COME QUANDO E PERCHE'

“Passo della Colla di Casaglia, metri novecentoquattordici, ore tre di notte, buio pesto, dai tornanti emergono marciando alpini in calzamaglia, ragionieri in mutande, cinquantenni stravolti in tute enormi che avanzano … passano come spettri. Un concorrente di Bolzano si punta la pila in faccia con un effetto spaventoso, arriva anche un signore molto distinto, con le scarpe in mano, senza guardare nessuno si appoggia ad un carabiniere e si addormenta e sogna, sogna come era bello quando era partito da piazza della Signoria a Firenze, erano le ventuno di sabato 26 maggio …”

Questo è l’inizio del bellissimo articolo (riportato nella foto) apparso sul “Resto del Carlino” del 28 Maggio 1973, pubblicato all’indomani della prima edizione della 100 km del Passatore, dal titolo : “NON C’ERANO BRIGANTI ALLA MARCIA DEL PASSATORE”, che ci riporta ad assaporare com’era il”clima” di questa gara in quella “lontanissima” prima edizione di 44 anni fa, nata quasi per scommessa dalla fervida immaginazione di Alteo Dolcini e Francesco Calderoni, e anche il sottotitolo, “Ma gente assonnata e sfinita si, hanno camminato per cento chilometri, partiti 1076, arrivati 349, tre all’ospedale per fatica” rende molto l’idea di come, per la stragrande maggioranza dei partecipanti fosse quasi un’avventura al buio, senza troppe conoscenze e con preparazione molto approssimativa e più o meno sarà così per tutti quei pionieristici anni 70, inizio 80, di cui ricordo molto bene l’atmosfera, avendone corsi diversi in quegli anni dal 1975 in poi ed aver visto i primi due (1973/74) passarmi “sotto casa”.

Claudio Guidotti

CHI, COME, QUANDO E PERCHE’ 11/4/2017

aprile 11, 2017 in CHI COME QUANDO E PERCHE'

Personalmente ritengo più difficoltosa da gestire la discesa della Colla, che la sua salita, Leggi il resto di questa voce →

A NOI NON BASTA

aprile 4, 2017 in CHI COME QUANDO E PERCHE'

Tutti noi che affrontiamo la 100 km del Passatore, siamo più o meno coscienti di quello che ci aspetta, siamo capaci di fare con relativa “facilità”la distanza regina la “MARATONA” (per molti già il sogno di una vita), ma a noi non basta. Leggi il resto di questa voce →