Faltona – km 27,1 – Ristoro N° 6

S.Felicita a Faltona

La strada si allunga e guarda caso le montagne si allargano dando spazio a bellissimi pratoni e sopra qualche collina sontuose ville  (Villa Mormoreto, Villa La Ruzza, Villa de Cini) ci richiamano ad un passato feudatario e nobi­liare, prima di giungere davanti ad una delle pievi romaniche più antiche del Mugello; Santa Felicita a Faltona. La storia di questa pieve si perde nella notte dei tempi (1076: era già citata come Ecclesie Sanctae Felicitatas) e vederla quasi abbandonata stringe il cuore conoscendo la storia di questo vetusto edificio sacro tanto caro a quelle popolazioni.

Poche centinaia di metri ed oltrepassato il ponticello sul torrente Faltona, quasi improvvisamente, come per incanto, ci appare in tutta la sua ampiezza la mugellana vallata e anche in questo circoscritto territorio, prima di giun­gere nel capoluogo, Borgo San Lorenzo, ci danno il loro saluto tre grandi ville settecentesche (Villa Guiducci a Serravalle, Villa Doni a Le Canicce, Villa La Brocchi a Lutian Vecchio), un medievale Mulino e non per ultimo, sparsi qua e la, ampi casali colonici; fanno da corona all’antichissima Chiesa di Santa Maria a Olmi risalente addirittura a Carlo Magno Imperatore e che nel cor­so dei secoli, segnatamente fra ‘400 e ‘500 era immensamente amata dai Medici che più volte la visitarono portandosi seco pittori ed artisti, ingentilendola ed abbellendola con pregevoli opere d’arte.

Aldo Giovannini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.