“100 km……. praticamente dietro l’angolo” (Il mio primo Passatore)… di Crimito Salvatore

“100 km……. praticamente dietro l’angolo” (Il mio primo Passatore)… di Crimito Salvatore

Un sogno irrealizzabile, ma ho già prenotato il treno per la mia seconda edizione de “IL PASSATORE del 2020”, “la più bella del mondo“, e per me lo è stato di sicuro. Carico di emozioni e aspettative, timori e un pizzico di paura, (che non guasta mai) ma alla fine ……. il traguardo era proprio dietro l’angolo. Mesi di preparazione, perlopiù mentale, in quanto non avevo mai corso oltre i 60 km, che comunque non sono noccioline! Amici, conoscenti, estranei e parenti con occhi sgranati a dirmi solo due cose: “Perché?” e poi “Ma sei matto!?”, per non parlare di chi mi guardava ascoltandomi come se avessi detto:….”Esco a comprare un litro di latte“, cioè come se non avessi detto nulla.

Va bene. Ci sta! Nessun problema. La cosa bella è CORRERE!!

Una cosa però voglio dirla: IL MIO SOLE mi ha sempre appoggiato, e questo a me basta e avanza. Io ho un sole tutto mio, si chiama PAOLA.

Innumerevoli fogli con appunti sulle altimetrie, orari di arrivo ai passaggi intermedi, temperature climatiche divise in fasce orarie, tempi del passo da tenere nei primi 20 km, e poi a seguire tra salite e discese e…..non so che altro. Mi viene in mente un runner che ho incontrato e, dopo il suo 8° Passatore, mi aveva detto che con calzoncini, maglietta e scarpe iniziava a correre e semplicemente non smetteva sino al traguardo.

Però io qualcosina in più me la porto, per la sera o il vento o la pioggia. Ad ogni modo, se ami correre e stai bene con te stesso e gli altri, tutto scorre via liscio; 100 km sono proprio ….dietro l’angolo.

Io ho provato una nuova  sensazione durante l’intero percorso del Passatore, PETTORALE 2514 concluso in 18 ore e 12 minuti e 28 secondi, cioè l’assoluta mancanza di pensieri. Questa cosa mi ha un po sorpreso ma mi ha fatto molto piacere: se sei assorto nella tua missione, ogni cosa sfugge via, pensieri, timori, ansie. Tu vuoi arrivare in fondo, tagliare il traguardo, e l’impossibile si realizza. E’ stato UN SOGNO MAGNIFICO, e io l’ ho vissuto per davvero!

PS. Sogni nel cassetto: HMDS nel DESERTO DI FUERTEVENTURA, praticamente………dietro l’angolo!!

Ma di questo ne parliamo una altra volta.

Condividi questo post